Annunci

Se vige un testamento  “forse” (perché ancora non so se è stato fatto,  e la persona purtroppo si é gravemente ammalata e presenta anche da un anno demenza senile) dove c’è scritto che lascia l’immobile alla figlia e non al figlio più grande, in quanto negli anni é sempre stato aiutato economicamente e per cose più grandi di lui, e non solo! ogni cosa da lui acquistata era sotto il nome di mamma o sorella mettendo quest’ultima nei guai con equitalia. Lui dice di non volere nessuna eredità, ( e forse il suo nome non sarà presente in eventuale testamento, perché la mamma non ci ha pensato due volte a lasciarlo fuori, visti i suoi atteggiamenti e comportamenti) ma 5 anni or sono, che c’è un bellissimo nipotino  e lui quindi dal non volere l’eredità, ora pretende la metà! Ok se non è stato fatto un testamento so che vige per legge la legittima e anche se la casa é stata lasciata alla figlia ,lui percepisce la metà, o no? Se non lui il bambino? E se rinuncia come dice, tutto va solo alla figlia o anche al nipotino?  Inoltre: mamma e figlia avevano un libretto di risparmio intestato ad entrambe, poi mamma ormai anziana, ha pensato alla figlia che sempre le é stata accanto e che oggi ha 40 anni e non ha un lavoro, ed ha deciso di far togliere il suo nome dal libretto lasciandolo solo a nome della figlia,cosicché dovesse capitare qualcosa, la donna puó andare avanti per un po’ e pensare alla sua vita e magari sperare di trovare un lavoro anche part-time.  Il figlio 50 enne, infuriato dice alla sorella che se la mamma manca lui non tira fuori un centesimo e che, anche se sà che lei l’ha sempre accudita ,dovrà usare i soldi che ha da parte e quello che resta dovrà fare metà con lui (e se non con lui con il nipotino) perché tanto, anche se il nome sul libretto é nominativo (della sorella) quelli sono sempre soldi di mamma! Risposta della sorella: Vergognati! Dopo tutto quello che mamma ha fatto per te, per tirarti fuori dalle grane nelle quali ti sei cacciato e non contento aver messo anche me e mamma nelle stesse,pretendi ancora soldi? E non vuoi contribuire? Invece di lavorare gratis, fatti pagare! E metti la tua parte! Perché non ti spetta proprio nulla da me! – Ecco, la sorella dovrebbe tirare fuori tutte le lettere di equitalia, tutte le multe di macchine intestate a mamma ( invalida al 100%) più una lettera che presenta anche una firma della sorella “falsa”, fatta da lui o da chi.non si sa, che per colpa sua (nullatenente, senza aver mai pagato un reddito e con il vizio di intestare tutto altrui) sarà prima o poi costretta a pagare cifre che non ha e magari perderà la casa…. 

Fratello o non fratello, la parentela qui non conta e non può farla franca! La sorella ha deciso di parlare con il notaio nonché molto amico della mamma,  per sapere se esiste un testamento, non per ciò scritto, perché non sarebbe corretto e poi non si può dire.  Inoltre per non tirare sempre in mezzo il nome di un bambino che, gioia, non né può nulla di ciò successo, la zia vorrebbe aprirgli un buono fruttofero postale o un libretto o cmq qualcosa che solo alla maggiore età possa usufruirne e che non venga toccato dai genitori. In modo che, se non verrà nominato nel testamento della  nonna, almeno la zia pensa a lui come avrebbe fatto l’anziana signora. Ora, io non mi intendo di nulla: burocrazia e leggi, e alla mia età so che non è una cosa bella… ma cosa deve fare questa ragazza per tutelarsi e non farsi fregare dal fratello? Uff… (non mi aspetto insulti, ma consigli validi!) Notte grazie. 💤:)👼 🌟 Zah

Creazioni fatte a mano da me. Lavorazione a dita, con l’uso della fettuccia elastica, catenelle, ciondoli, coppette e moschettoni. Molto altro visitando la mia pagina Facebook: Zah Bijoux
Trovate il link qui sul profilo.

image

image

image

image

image

Articolo molto interessante per la nostra salute.:) Zah
Estratto dal sito:
http://www.salute-e-benessere.org
I parabeni sono i conservanti più comuni nell’industria cosmetica; essi impediscono a funghi, batteri e altri microbi di crescere nelle vostre creme e trucchi preferiti, soprattutto nell’ambiente umido, caldo di una stanza da bagno.
Li trovate sotto diversi nomi – metilparaben, etilparaben, propilparaben, butilparaben e Isobutylparaben – nell’elenco di ingredienti di migliaia di prodotti
per la cura personale: negli shampoo, nei mascara, nei fondotinta, nelle lozioni per il corpo. Però negli ultimi anni è iniziato un dibattito tra gli scienziati, le autorità di regolamentazione di sicurezza dei prodotti e i produttori di cosmetici sulla possibilità che queste sostanze chimiche onnipresenti, utilizzate da oltre 70 anni, possano veramente nuocere alla nostra salute.
Purtroppo ci sono delle domande ancora senza risposta: c’è una connessione tra la crescente incidenza di cancro al seno e il fatto che delle molecole di parabene (che ha la peculiarità di poter mimare l’estrogeno) siano state trovate nei tumori del cancro al seno? C’è una connessione tra il calo del numero degli spermatozoi e l’aumento dei tassi di carcinoma mammario maschile e di cancro testicolare e il fatto che questi composti chimici possano essere assorbiti dalla nostra pelle, con potenziale sconvolgimento dei sistemi endocrini?
Ancora non si sa. Però alcuni ricercatori pensano che ci potrebbe essere un motivo di preoccupazione. Uno dei ricercatori più attivi in questo riguardo è Philippa Darbre, docente di oncologia e ricercatore in scienze biomolecolari all’Università di Reading, in Inghilterra. La sua specializzazione è l’impatto dell’estrogeno sul cancro mammario. La sua squadra ha pubblicato nel 2004 uno studio chiave in cui mostravano di aver trovato dei parabeni in 18 delle 20 biopsie di tumori mammari. Il suo studio non dimostrava che siano stati i parabeni a provocare il cancro, ma solo la facilità con cui potevano essere rilevati tra le cellule cancerose.
Buon inizio settimana! E… Occhio all’Inci dei prodotti! ( Vedi articolo sull’Inci ;)) Ciao! Zah

image

Esempio di Inci con un parabene “Methylparaben”.

Proвleмι a rιcordare, мeмorιzzare e dι concenтraмenтo?
“Nιenтe paυra!
Ancнe ιn qυeѕтo caѕo, ιn aιυтo
cι vιene la Naтυra!”… ed нo ғaттo la rιмa. 🙂

image

Aroмaтerapιa – Ecco alcυnι proғυnι,olι e eѕѕenze per ғavorιre мeмorιa e concenтrazιone:
Rosmarino
Il rosmarino aiuta a migliorare le memoria prescrittiva, che è la capacità di ricordare le cose che devi fare. Se hai difficoltà a ricordare gli appuntamenti e le riunioni, le scadenze di tasse e bollette o gli impegni del tuo bimbo e, quindi, riempi la casa di post-it per evitare di sbagliare, il rosmarino fa per te. Prova ad annusarlo al mattino appena sveglia e durante la giornata mettendone qualche goccia su un fazzoletto di stoffa oppure aggiungine alcune gocce ad un cucchiaio di latte e versa il tutto nella vasca per un bagno rilassante.

Basilico
Il profumo dolce e rinfrescante di basilico può contribuire a migliorare sia la scarsa memoria sia la mancanza di concentrazione dovuta alla fatica. Prima di lavorare fino a tarda notte o quando devi preparare un evento o presentazione, diffondilo nel tuo ambiente di lavoro con l’apposita lampada per aromi (o, come prima, mettine alcune gocce su di un fazzoletto).

Menta piperita
Ha bisogno di una sveglia naturale che non contenga caffeina? Prova l’olio essenziale di menta piperita. Questo profumo intenso aiuta a svegliare la mente, mettere a fuoco i sensi e migliorare la memoria. Inoltre, è una cura naturale per il мal dι testa. Se stai cercando di ridurre il consumo di tè e caffè, questo è proprio l’olio giusto.

Salvia
Questo olio essenziale naturale agisce come uno stimolante per aumentare le energie e concentrazione del mattino. A differenza degli zuccheri e del caffè, l’energia dell’olio essenziale di salvia non ha picchi e non svanisce dopo poco. Abbinato all’olio essenziale di limone o di pepe nero, aiuta a migliorare la memoria e costituisce un ottimo complemento alla roυтιne del мaттιno.
Se vuoi iniziare ad utilizzare oli essenziali, sceglili sempre bio e puri al 100%: solo così l’eғғeттo é aѕѕιcυraтo.
-Se ѕι é ιndecιѕι тra le propoѕтe, rιcordaтe cнe: l’olғaттo non мenтe!-
Cιao! ☺Zaн